phone icon0523 1997201 - Cell. 388 890 5626
divider

Notizie legali

separator


Convivenza di fatto e diritto di abitazione in caso di decesso

/ 0 Commenti /

Nell’ambito della convivenza di fatto, in caso di decesso del convivente, il diritto di abitazione spettante al convivente superstite ha natura obbligatoria e non reale.

Convivenza di fatto e diritto di abitazione del convivente superstite.

Lo afferma l’Agenzia delle Entrate nella risposta a interpello n. 463 del 04.11.2019.

Vi è da ricordare che la legge n. 76/2016 (nota come legge Cirinnà) ha disciplinato le unioni civili (tra omosessuali) e le convivenze di fatto, omo o etero sessuali.

In particolare, secondo l’art. 1 comma 36, si ha convivenza di fatto quando due persone maggiorenni sono «unite stabilmente da legami affettivi di coppia e di reciproca assistenza morale e materiale, non vincolate da rapporti di parentela, affinità o adozione, da matrimonio o da un’unione civile».

L’articolo 1, comma 42, prevede che in caso di decesso del proprietario della casa di comune residenza il convivente di fatto superstite ha diritto di continuare ad abitare nella stessa:

per due anni o per un periodo pari alla convivenza, se superiore a due anni e, comunque, non oltre i cinque anni;

per un periodo non inferiore a tre anni, qualora nella casa in questione coabitino figli minori o figli disabili del convivente superstite.

Secondo l’Agenzia non si tratta del diritto reale di abitazione previsto dall’articolo 1022 del Codice civile, né del diritto di abitazione spettante al coniuge (o all’unito civile) superstite dell’articolo 540 del Codice civile, ma, appunto, di una posizione giuridica di natura obbligatoria.

L’Agenzia si richiama anche ad un precedente della Corte di Cassazione (sentenza 10377/2017), secondo cui la convivenza di fatto determina, sulla casa di abitazione ove si svolge, un potere di fatto definibile come detenzione qualificata «riconducibile ad un diritto personale di godimento che viene acquistato dal convivente in dipendenza del titolo giuridico individuato dall’ordinamento nella comunanza di vita attuata anche mediante la coabitazione, ossia attraverso la destinazione dell’immobile all’uso abitativo dei conviventi».

La natura reale del diritto è caratterizzata dall’assolutezza (il titolare può fare valere il proprio diritto nei confronti di tutti) e dal diritto di seguito (il titolare potrà perseguire il diritto nei confronti di qualsiasi soggetto, perché il diritto è sempre collegato al bene e non al soggetto).

Il diritto avente natura obbligatoria, invece, può essere fatto valere unicamente nei confronti del soggetto obbligato.

La tutela del coniuge superstite è dunque certamente maggiore rispetto a quella del convivente di fatto superstite.

#AvvocatoMatteoMami #studiolegale #Piacenza #Separazione #Divorzio

 


Iscriviti alla newsletter in fondo alla pagina per seguire i miei articoli e rimanere aggiornato.

Se ti informi puoi conoscere, tutelare e difendere i tuoi diritti.

Se l’articolo ti è piaciuto commentalo e condividilo.


Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

Affidamento e tempi di frequentazione tra genitori e figli

Mantenimento dei figli ed esercizio del diritto di visita

Cancellazione di ipoteca e separazione: il trattamento tributario

Ordine protezione abusi familiari e ricorso per separazione

Diritto di visita figli: bigenitorialità non vuol dire stesso tempo insieme

Il diritto all’indennità del trattamento di fine rapporto percepita dal coniuge

Assegnazione casa coniugale: cosa succede in caso di pignoramento?

Divorzio: effetti della morte del coniuge sulla domanda di mantenimento

Dieta vegana figli: se i genitori sono in disaccordo chi decide?

Spese straordinarie mantenimento figli: quali sono e quali devono essere preventivamente concordate con l’altro genitore.

Mancato pagamento del mantenimento del coniuge: paga lo Stato.

Assegno divorzile: ex coniuge che non si sposa ma inizia una nuova convivenza perde il diritto al mantenimento?

Comunione dei beni tra coniugi e costruzione di immobile

separator

Nessun commento

    separator

    Lascia un commento

    Questo sito utilizza i cookie per permettere una migliore fruizione dei suoi contenuti. Maggiori informazioni

    The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

    Close