phone icon0523 1997201 - Cell. 388 890 5626
divider

Notizie legali

separator

Patrocinio a spese dello Stato, non è dovuto il compenso al difensore della parte ammessa quando l'azione civile sia stata dichiarata inammissibile.

Patrocinio a spese dello Stato e inammissibilità dell’azione in ambito civile

/ 0 Commenti /

Non è dovuto il compenso al difensore della parte ammessa al Patrocinio a spese dello Stato quando l’azione civile sia stata dichiarata inammissibile.

Tribunale Treviso, 18 Marzo 2019.

L’art. 106 comma 1 D.P.R. 115/2002, in materia di Patrocinio a spese dello Stato prevede che “Il compenso per le impugnazioni coltivate dalla parte non e’ liquidato se le stesse sono dichiarate inammissibili.

Detta disposizione è contenuta nella parte relativa alle disposizioni particolari sul processo penale, tuttavia, secondo il Tribunale di Treviso detta norma deve essere analogicamente estesa anche al processo civile, amministrativo, contabile e tributario (di cui ai Titoli IV e V, nonché ai processi particolari di cui alla Parte IV) poiché la ratio della disposizione citata deve individuarsi nella voluntas del legislatore di scoraggiare la proposizione, a spese dello Stato, di domande (in ambito non solo penale) del tutto superflue, meramente dilatorie o improduttive di effetti a favore della parte, il cui esito di inammissibilità sia largamente prevedibile o addirittura previsto prima della presentazione del ricorso.

Il Tribunale ritiene che una tale interpretazione sia coerente con la recente giurisprudenza costituzionale in materia (sent. n. 16/2018), ai sensi della quale l’art. 106 citato non impedisce la liquidazione del compenso al difensore della parte ammessa al beneficio del patrocinio a spese dello stato purché la ragione dell’inammissibilità risieda in una carenza d’interesse a ricorrere, sopravvenuta per ragioni del tutto imprevedibili al momento della proposizione del ricorso.

Il caso concreto riguardava un ricorso ex art. 12 bis, l. 898/1970, diretto alla determinazione ed attribuzione della quota di indennità di fine rapporto, in assenza del presupposto della titolarità dell’assegno divorzile da parte del richiedente.

Leggi il provvedimento.


Iscriviti alla newsletter in fondo alla pagina per seguire i miei articoli e rimanere aggiornato.

Se ti informi puoi conoscere, tutelare e difendere i tuoi diritti.

Se l’articolo ti è piaciuto commentalo e condividilo.


Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

Vendita di immobili: difformità edilizia e validità del contratto

Vendita garanzia per vizi e decorrenza termine prescrizionale

Clausola contratto di locazione e limiti alle spese per il conduttore

Bolletta acqua va pagata in caso di consumo anomalo e spropositato?

Contatori: contestazione consumi e onere della prova

Abbonamento a servizio telefonico non richiesto e risarcimento del danno

Raccomandata, prova del suo contenuto e interruzione della prescrizione

 

separator

Nessun commento

    separator

    Lascia un commento

    Questo sito utilizza i cookie per permettere una migliore fruizione dei suoi contenuti. Maggiori informazioni

    The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

    Close